martedì 17 , ottobre 2017
Home / Talk Show e Varietà / Le iene show, la puntata di domenica 6 marzo
ventura

Le iene show, la puntata di domenica 6 marzo

Domani, domenica 6 marzo in prima serata su Italia 1, nuovo appuntamento con “Le Iene Show”. Conducono Geppi Cucciari, Fabio Volo e Miriam Leone. Ospite in studio Alessia Marcuzzi.

Tra i servizi in onda nella puntata di domani:

  • Nicolò De Devitiis si è recato all’aeroporto di Malpensa per consegnare ai naufraghi, in partenza per l’Isola dei Famosi, alcuni cadeaux in “classico stile Iene” che possano rendere più semplice la loro sopravvivenza in Honduras.

Tra questi, una maglietta con la scritta “Le Iene portano bene” che l’inviato ha portato come talismano a Simona Ventura, conduttrice storica del programma di Italia 1.

Simona Ventura
Simona Ventura

Marco Carta, invece, per superare facilmente tutte le nomination a cui andrà incontro, ha ricevuto il santino di “Santa Maria De Filippi da Cologno protettrice dell’Auditel”. A Enzo Salvi, la Iena ha portato “Tinteo”, la tinta “ufficiale” di Teo Mammucari, mentre l’attore Jonas Berami ha ricevuto in dono un dizionario spagnolo-italiano con le parole “fondamentali” da usare in Honduras.

Inoltre, dato che i naufraghi saranno privati di tutti i comfort, a Fiordaliso De Devitiis ha regalato uno specchio, ma con riflessa l’immagine di quando la cantante aveva 30 anni.

 

  • «È mio interesse togliere dal consiglio comunale una persona che ha i requisiti per essere espulsa». Asserisce così ai microfoni delle Iene Angelino Alfano, raggiunto da Filippo Roma perché, in quanto Ministro dell’Interno, intervenga sul caso che coinvolge Calogero Giambalvo. Il consigliere comunale di Castelvetrano è stato arrestato a novembre 2014 nell’operazione antimafia “Eden II” e, conseguentemente, sospeso dalla carica di consigliere. Lo scorso dicembre l’uomo è stato assolto in primo grado dall’accusa di essere un fiancheggiatore del boss mafioso Matteo Messina Denaro e poi scarcerato, tornando quindi a ricoprire il suo ruolo in consiglio comunale.

Durante le indagini, sono emerse delle intercettazioni in cui Giambalvo raccontava anche di un incontro con il boss latitante, sulle quali, lo stesso consigliere ha precisato in seguito: «L’accusa era fondata su intercettazioni e chiacchiere equivocate in sede di trascrizione, come avrò modo di chiarire».

La vicenda è balzata nuovamente agli onori della cronaca dopo la forte contestazione espressa dal vicepresidente della commissione parlamentare antimafia Claudio Fava. Contro il rientro in Comune di Giambalvo a gennaio di quest’anno, infatti, l’onorevole ha invitato gli altri consiglieri di Castelvetrano a dimettersi «come atto di responsabilità». (Nel secondo allegato, l’intervista ad Angelino Alfano).

 

  • Reportage di Marco Maisano, che torna nella “Giungla” di Calais, il campo con migliaia di migranti stanziatisi nel Nord della Francia col sogno di raggiungere la Gran Bretagna. E’ qui che da settimane la polizia attua quotidianamente gli sgomberi.

La Iena documenta quanto lo smantellamento abbia cambiato completamente le abitudini di questa “città” fatta di tende e baracche, dove nel corso degli anni si sono sviluppate persino attività commerciali e assistenziali. Oggi gli incendi, gli scontri e i bulldozer che portano via le abitazioni di fortuna sono, infatti, all’ordine del giorno.

I sentimenti più diffusi tra i migranti sembrano essere rassegnazione e disperazione, ma molti non perdono la speranza. Nonostante gli sgomberi e il freddo, che ha anche provocato vittime, c’è chi si sta adoperando a ricostruire un altro campo e chi tenta, ancora una volta, di scavalcare le reti della strada che porta all’Eurotunnel e a una nuova vita.

 

  • Intervista singola all’attore, comico e conduttore televisivo Teo Teocoli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>