domenica 25 , giugno 2017
Home / Talk Show e Varietà / Stasera in tv “Italiani”: Rai Storia ricorda Marcello Mastroianni
italiani

Stasera in tv “Italiani”: Rai Storia ricorda Marcello Mastroianni

Si rinnova alle 21.30 di oggi, martedì 14 luglio, il tradizionale appuntamento su Rai Storia con “Italiani”, condotto da Paolo Mieli. Nell’episodio di questa sera verrà trasmesso il documentario “Il magico paradosso” di Riccardo Mazzon, dedicato al più famoso attore italiano nel mondo, Marcello Mastroianni.

Un passato come regista a La7, Riccardo Mazzon ha ritratto Mastroianni sotto tutti i suoi aspetti: classicissimo e sperimentatore, schivo e amico della gente, antieroe e burlone, melodrammatico e comico, amato dal cinema più popolare e da quello più intellettuale, Marcello era un popolano che si muoveva da aristocratico e aveva una recitazione apparentemente distratta e indolente. Nel corso di “Italiani” verranno trasmesse diverse testimonianze, di amici e colleghi: dicono di lui che non leggesse i copioni, ma quando entrava in scena sembrava aver provato centinaia di volte.

italiani pmLa monografia della puntata di stasera di “Italiani” affronta il periodo magico di Mastroianni, coinciso con quello dell’Italia del “boom”, il decennio che va dal 1957 al 1967. In quel periodo Mastroianni lavora con Visconti, Antonioni, Fellini e Flaiano, De Sica, Monicelli, Petri, Germi, Ferreri. Con Ponti e la Loren è stato il pilastro dell’industria italiana del cinema, che in quegli anni si stava imponendo nel mondo: è grazie a lui che in quegli anni l’Italia si sprovincializza ed è grazie a lui se l’immagine degli italiani nel mondo passa da “pizza e mandolino” a “Italian style”.

Tra le voci che lo ricorderanno in “Italiani” Andrea Borini, scrittore e biografo di Mastroianni: “Diceva sempre: perché devo andare a Hollywood se i migliori film si fanno qui da noi?”, e Fabrizio Gifuni, un attore cresciuto nel mito di Mastroianni, anche se “quelli di quegli anni giocavano in un altro campionato”.

Uff. Stampa Rai

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>